Disponibile on-line il resoconto dell’operazione Delphis, edizioni 1997/2010.

BATTIB5-1

E’disponibile on line il resoconto dell’operazione Delphis 1997/2010, con i commenti del Prof Giulio Relini, della Prof.ssa Lidia Orsi.

Per cercare di meglio comprendere quale potrebbe essere la reale situazione dei mammiferi marini al largo delle coste italiane e in particolare nell’area marina del Santuario per i cetacei, l’analisi dei dati raccolti grazie ai partecipanti in mare all’operazione Delphis, dal 1997 al 2010,  è stata affidata a due super esperti: il Prof. Giulio RELINI, Biologo Marino, Professore di Ecologia Marina all’Università di Genova, Professore alla Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, dell’Università di Genova, e la Prof.ssa Lidia ORSI, docente di Biologia Marina dell’Università di Genova. >>>

La “Formation Delphis”

BALEINE OU DAUPHIN ? Tu sais les reconnaître ?

BATTIBALENO organise la Formation Delphis, destiné aux étudiants, aux plaisanciers et aux amateurs de la mer, pour connaître et reconnaître les cétacés dans la Méditerranée.Balaenoptera Physalus

Devient un bon observateur de cétacés.

RECONNAIS  les signes de la présence des cétacés

APPRENDS la méthode pour les identifier

DÉCOUVRE le comportement à tenir en leur présence

APPRÉCIE ET PROTEGE les richesses du Mediterraneo


La Formation Delphis divulgue les règles de comportement suggérées par Pelagos, Accobams et IWC pour l’observation des espèces protégées dans leur milieu naturel. Savoir comment se conduire en présence de baleines et dauphins rend chaque rencontre avec les cétacés une occasion unique pour améliorer notre rapport avec la mer et ses habitants.

plus: info@battibaleno.it

Operazione DELPHIS 2014

CONCORDIA2

∼ MANIFESTAZIONE ANNULLATA ∼

La tradizionale manifestazione nautica operazione Delphis, che si svolge ogni anno, dal 1996, nell’area del santuario per i cetacei,  inizialmente fissata per il giorno 22 luglio e  rimandata al giorno 27 luglio,  è stata definitivamente annullata dagli organizzatori al fine di non intralciare il transito del relitto della nave “Concordia”, anch’esso  previsto per il giorno 22, e avvenuto il  giorno 27.

L’ operazione di recupero del relitto che ha traversato  le acque internazionali del “santuario per i cetacei”,  ha tenuto tutti con il fiato sospeso e ci ha permesso di costatare le grandi capacità ingegneristiche e di collaborazione espresse dal Governo italiano, che ha  mostrato  agli osservatori di tutto il mondo  un volto dell’Italia ben diverso da quello scanzonato e irresponsabile del “comandante” Schettino.

Un evento molto importante,  e luttuoso, rispetto il quale l’associazione Battibaleno non ha voluto dare il via alla grande “festa del mare” che l’operazione Delphis rappresenta ogni anno.


Per saperne di più sull’operazione Delphis e scaricare il materiale per partecipare alla prossima edizione, visita questa pagina o contatta l’organizzatore scrivendo a: delphis@battibaleno.it

IL PIACERE DI NAVIGARE, LA PASSIONE DI FOTOGRAFARE

1Sono aperte le iscrizioni al 1° WORKSHOP DI FOTOGRAFIA DEI CETACEI e tecniche per la foto-identificazione, organizzato dall’associazione Battibaleno.

Il work shop, inserito nel programma di monitoraggio cetacei dell’associazione Battibaleno, ha il triplice obiettivo di formare fotografi naturalisti, contribuire alla ricerca scientifica con immagini realizzate da professionisti, sostenere le spese del progetto.

Per informazioni e iscrizioni: info@battibaleno.it

SALONE NAUTICO INTERNAZIONALE DI GENOVA PRESENTAZIONE RISULTATI DELPHIS 2011

INVITO-SALONE-2011_205


 Sabato 8 ottobre – Teatro del Mare del 51° Salone Nautico Internazionale di Genova

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

DELL’OPERAZIONE DELPHIS 2011

In Mediterraneo, le balenottere e i delfini trovano le condizioni ideali per vivere e riprodursi: la salvaguardia di queste meraviglose creature dipende molto dai nostri comportamenti e dalle nostre conoscenze.

L’operazione DELPHIS è la piu grande mobilitazione internazionale di marinai e diportisti per sensibilizzare, conoscere e proteggere le balene e i delfini del mar Mediterraneo. L’operazione Delphis inizia nell’estate del 1996 e da allora continua a riunire ogni anno grandi numeri di diportisti appassionati che partecipano in prima persona alla tutela del mare e della biodiversita’.

Per il terzo anno, la manifestazione si è estesa oltre i confini del “Santuario Internazionale per i cetacei”, grazie alla partecipazione attiva dei diportisti di Malta, Marocco, Algeria, Tunisia, Spagna, Croazia e Principato di Monaco. L’obiettivo comune è quello di promuovere le qualità degli ecosistemi ancora intatti del mare Mediterraneo, mettendo in evidenza il numero di balene e delfini presenti, e favorire, questa è la nostra speranza, il processo di trasformazione del bacino mediterraneo in uno spazio universalmente riconosciuto di pace, cooperazione e di rispetto del mare.

All’incontro organizzato dall’associazione Battibaleno al Salone internazionale della nautica, parteciperanno gli esponenti del mondo scientifico e istituzionale,  per rispondere alle vostre domande e cercare di fare il punto sullo stato dei cetacei e sulle azioni in atto per la loro protezione.

“Il Santuario internazionale per i cetacei, detto anche progetto Pelagos, nato dall’accordo fra i governi díItalia, Francia e Principato di Monaco per proteggere il mare e i suoi abitanti oltre le acque territoriali, é  sostenuto con entusiasmo e passione da molti cittadini, marinai e diportisti che constatano direttamente la forte concentrazione di cetacei e contribuiscono puntualmente alla raccolta di informazioni sulla presenza di di questi animali”. “Purtroppo quest’area è ancora senza regole, senza effettiva protezione dei suoi abitanti e sembra essere svanito líentusiasmo iniziale che ha portato alla sua creazione.”Il Santuario Pelagos, potrebbe rappresentare una vera opportunità di conoscenza e, se ben gestito, un primo esempio da seguire per la creazione di uníunica grande rete di aree marine protette che tuteli tutti i mammiferi marini del Mar Mediterraneo”. Dichiara Alberto Marco Gattoni, presidente dell’associazione Battibaleno.

Durante l’incontro verrà presentato in anteprima il nuovo “Manuale per l’osservazione e lëidentificazione dei cetacei”, con le regole di comportamento per non disturbare gli animali nel loro ambiente naturale. Il Manuale è uno strumento indispensabile per i partecipanti all’operazione Delphis, ma anche per tutti i navigatori naturalisti che, sempre più numerosi, si appassionano alla difficile arte del “whale watching”.

Concluderà l’incontro il cortometraggio “Rifrazioni”, (durata 6 minuti), realizzato con la collaborazione dal regista greco “Sieva Diamantakos” e le musiche del gruppo genovese “Port Royale”.

“Rifrazioni” ci aiuta a riflettere, attraverso il linguaggio dell’arte, sul difficile rapporto fra gli uomini e i cetacei e sull’importanza di un vero “patto con l’ambiente”.  (Continua  >>> )


 

Risultati operazione Delphis 1996-2010, commentati dai professori Lidia Orsi, Giulio Relini, Antonio Di Natale e dott. Guido Gnone

Copia di INVITO_CONF_SALONE_2010_battibaleno OPERAZIONE DELPHIS 2010

 415 imbarcazioni partecipanti, di cui 189 all’interno dell’area del santuario per i cetacei Pelagos.  243 gli individui osservati complessivamente al largo delle coste italiane, 6 le osservazioni di piccoli nei gruppi di stenelle e tursiopi. 31 le imbarcazioni i cui equipaggi hanno raccolto  bottiglie e sacchetti di plastica.   243 i cetacei osservati, di cui 6 con piccoli al seguito. 15 stenelle avvistate nel santuario Pelagos, 40 nei mari della Corsica, 40 in quelli a Nord della Sicilia. 6  delfini comuni osservati: 3 all’isola di Ischia e 3 a Nord della Sicilia. 9  tursiopi osservati nel Mar Adriatico, 10 davanti a Lazio e Campania,2 in Sardegna. 3 i grampi e 2 i globicefali avvistati  nel Mar Ligure. 6 capodogli a Nord della Sicilia e 1 in Sardegna. 3 le balenottere comuni avvistate a largo del Lazio, 2 in Sicilia. Alto il numero di osservazioni di uccelli, tartarughe, pesci luna e sono aumentate, rispetto le scorse  edizioni di Delphis, le osservazioni di Meduse, anche di grandi dimensioni.

Questi dati raccolti confermano la presenza al largo delle nostre coste di tutte le specie comuni nel Mediterraneo ma sembra negativo il trend del numero degli avvistamenti di balenottere nel Santuario dei cetacei.  La  distribuzione dei questi animali appare inoltre mutata rispetto  le passate edizioni di Delphis.  Le osservazioni di cetacei sono state effettuate in zone di mare dove non eravamo abituati agli avvistamenti, mentre nelle zone in cui si sono ripetuti gli avvistamenti in questi anni, gli avvistamenti sono stati più scarsi” commenta Alberto Marco Gattoni, skipper e presidente dell’associazione Battibaleno che dal 1997 organizza la manifestazione.

Per cercare di meglio comprendere quale potrebbe essere la reale situazione dei mammiferi marini al largo delle coste italiane e in particolare nell’area marina del Santuario per i cetacei, l’analisi dei dati raccolti  è stato affidata a due super esperti: il Prof. Giulio RELINI, Biologo Marino, Professore di Ecologia Marina all’Università di Genova, Professore  alla Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, dell’Università di Genova,  e la Prof.ssa Lidia ORSI, docente di Biologia Marina dell’Università di Genova. > Leggi tutto


L’operazione Delphis è organizzata dall’associazione Battibaleno con il Patrocinio del Parlamento Europeo, della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero degli Affari Esteri, della Camera dei Deputati, della Regione Toscana, della Regione Liguria, della Regione Siciliana, della Regione Campania, della Regione Veneto, della Città di Veneziae della Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana, in collaborazione con Lega Navale Italiana, Federazione Italiana Vela, Association Rimmo, il progetto Delfini Metropolitani dell’Acquario di Genova, F.I.S.P.M.E.D. onlus; Marina Genova Aeroporto; ABB.

OPERAZIONE DELPHIS 2009 MARINAI E DIPORTISTI AL SERVIZIO DEL MEDITERRANEO

invito-salone


I RISULTATI DEL MONITORAGGIO

(Tabella in fondo al testo)

10 ottobre.2009

Il Salone Nautico Internazionale di Genova ha ospitato oggi nel Teatro del Mare la presentazione dei risultati dell’operazione Delphis 2009 la grande fotografia istantanea delle balenottere e dei delfini del Mediterraneo.

Giunta alla tredicesima edizione, per la prima volta l’operazione Delphis si è estesa anche oltre i confini del Santuario Pelagos, per sostenere la creazione di un’unica grande “rete” di aree marine protette, che tuteli tutti i mammiferi marini del Mar Mediterraneo.

Lo stesso giorno alla stessa ora, distribuiti su coordinate di mare prestabilite, una pacifica flotta di navigatori naturalisti armati di macchina fotografica e di GPS, ha realizzato un’osservazione simultanea della superficie del Mare Mediterraneo, per ottenere una maxi fotografia istantanea utile e valutare la distribuzione e il numero minimo di cetacei,  valorizzare la presenza di balene e delfini al largo delle nostre coste, promuovere le qualità ancora intatte del Mediterraneo per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sull’importanza della loro conservazione.

Oltre la grande partecipazione di equipaggi lungo tutte le coste italiane e francesi  l’operazione Delphis 2009  ha coinvolto equipaggi che hanno permesso di osservare la presenza di cetacei anche al largo dell’isola di Malta, del Marocco,  Spagna, Croazia, Tunisia.  “E’stata una prima edizione prototipo attraverso la quale iniziare progressivamente a coinvolgere nel progetto Delphis tutti i porti e i marina del Mediterraneo”, dichiarano gli organizzatori.

Gli equipaggi hanno effettuato l’osservazione simultanea della superficie del mare dalle ore 12:00 alle ore 13.00,  annotando:  il numero stimato e la specie di cetacei incontrati, la presenza di piccoli, il comportamento, la reazione dei cetacei all’ imbarcazione,  la durata dell’osservazione effettuata, la presenza di altra fauna e di inquinamento visibile.

“I risultati della maxi foto della superficie del Mar Mediterraneo confermano la presenza di tutte le specie comuni di cetacei”

NUMERI

420 le imbarcazioni che complesiivamente hanno partecipato a questa prima edizione dell’operazione Delphis

Oltre 2.300 i membri degli equipaggi delle imbarcazioni partecipanti all’opeazione Delphis.

7  le specie di cetacei osservate.

48 le imbarcazioni che hanno effettuato osservazioni di cetacei

360 circa individui osservati in totale.

(8 le osservazioni di neonati nei gruppo di capodogli, stenelle, grampi, globicefali)

Il comportamento prevalente dei cetacei nei confronti dell’imbarcazione è stata l’indiffrenza o l’allontanamento, ad eccezzione del delfino della specie “stenella” che si è avvicinata alle imbarcazioni nel 40 % dei casi.

39 le imbarcazioni i cui equipaggi hanno raccolto  bottiglie e sacchetti di plastica.

Numerose le osservazioni di uccelli, tartarughe meduse, pesci luna, anche di grandissime dimensioni.


I risultati della maxi foto della superficie del Mar Mediterraneo sono stati commentati dal biologo marino Antonio Di Natale, esperto di conservazione e gestione delle risorse acquatiche e tutela dell’ambiente. Autore di circa 200 pubblicazioni scientifiche sulla gestione delle risorse e su specie marine, il Prof. Di Natale ha maturato grande esperienza internazionale in decine di paesi. Attualmente è vice-Presidente del Comitato  scientifico della Pesca della Comunità Europea, Direttore dell’Istituto di Ricerca Aquastudio, Segretario generale della Fondazione Acquario di Genova Onlus, membro del comitato scientifico della Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell’Atlantico (CICTA) e componente di numerosi comitati scientifici di Enti internazionali e nazionali.

I cetacei sono grandi nuotatori. Un delfino può spostarsi alla velocità di 35 nodi e qualsiasi area che possiamo immaginare per loro potrebbe risultare piccola.  I grandi cetacei, balenottere e capodogli, possono viaggiare da un oceano all’altro e non sono informati sull’esistenza di un’area marina protetta a loro dedicata,  ma cercano la catena alimentare di base,  e in diverse aree del Mediterraneo trovano cibo e le condizioni ideali per le loro attività.

Le informazioni che abbiamo su questi animali sono casuali e per questo l’operazione Delphis su ampia scala può essere molto utile. L’operazione Delphis è formidabile perché avere un numero elevato di barche e di osservatori  che guardano il mare con un occhio speciale per i cetacei nello stesso momento, su una superficie cosi ampia, è utile per la comunità scientifica che non potrebbe mai coprire la stessa superficie con le barche da ricerca.

Non dimentichiamo che gli scritti classici da Aristotele, a Plinio, le stesse favole di Esopo, raccontavano una serie di informazioni sui cetacei ancora valide per i ricercatori di oggi.  Sono le informazioni che può fornire un diportista, purchè abbia l’occhio abituato a guardare la superficie del mare e le descriva nel modo corretto, senza metterci del suo.

L’allargamento a tutto il Mediterraneo dell’Operazione Delphis ha fornito un dato ancora più interessante”.


 La partecipazione delle imbarcazioni dei Soci della Lega Navale ha permesso di monitorare tutte le coste della nostre penisola.

“La Lega Navale italiana è partner di Battibaleno sin dalla prima edizione di Delphis e siamo felici di fornire le nostre competenze nautiche e marinaresche all’azione ecologica – dichiara l’ Ammiraglio Biroli, presidente regione Liguria della Lega Navale Italiana.


L’operazione Delphis è organizzata in Italia dall’associazione Battibaleno con il patrocinio del Parlamento Europeo, della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero degli Affari Esteri, della Camera dei Deputati, della Regione Toscana, della Regione Liguria, della Regione Siciliana, della Regione Campania, della Regione Veneto, della Città di Venezia e della Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana, in collaborazione con  Association R.i.m.m.o., Lega Navale Italiana, Marina Genova Aeroporto, il progetto Delfini Metropolitani/Acquario di Genova, Accademia del Leviatano, I.S.P.R.A., F.I.S.P.M.E.D. onlus